martedì , 23 Aprile 2024
Home / Articoli / La scrittrice Susanna Bo, finalista al premio Pontremoli 2022, ha incontrato gli studenti dell’Istvas

La scrittrice Susanna Bo, finalista al premio Pontremoli 2022, ha incontrato gli studenti dell’Istvas

Susanna Bo, una delle scrittrici più originali e poliedriche del nuovo panorama italiano, è stata ospite, lunedì 3 aprile 2023, dell’istituto tecnico Istvas di Ancona per parlare del suo ultimo libro (“Se fossi in te” edito da San Paolo Edizioni)

L’autrice ligure è stata protagonista di un incontro unico ed emozionante a cui hanno partecipato un centinaio di studenti del biennio dell’Istvas di Ancona e che è stato realizzato grazie alla preziosa collaborazione del Forum delle Associazioni Familiari delle Marche con la medesima scuola.

A sottolineare l’importanza e il valore dell’incontro occorre segnalare la presenza di alcune personalità della vita culturale e politica del territorio, che hanno partecipato e portato il loro saluto, quali il dott. Giancarlo Mariani dell’Ufficio scolastico regionale, il dott. Marcello Bedeschi, coordinatore nazionale dei direttori e segretari delle Anci regionali e Paolo Perticaroli, presidente del Forum delle Associazioni Familiari delle Marche. L’incontro è stato presentato e guidato dal Dirigente scolastico dell’Istvas il prof. ing Francesco Savore che non solo ha fatto gli onori di casa ma ha dedicato la massima rilevanza e attenzione all’evento.

La presentazione del libro “Se fossi in te” è stata l’occasione per i ragazzi dell’Istvas non solo per conoscere un’opera di narrativa dedicata alla loro generazione e ai loro problemi, ma anche valida, moderna e di valore, basti ricordare che il libro è giunto finalista al prestigioso “Premio letterario Pontremoli Città del libro e della Famiglia”; ma anche per conoscere la sua sorprendente autrice.

Susanna Bo ha incantato il pubblico giovane raccontando particolari significativi e toccanti del suo lavoro di scrittrice e della sua vita di donna, moglie e madre. La scrittrice con un linguaggio semplice e delicato, partendo dalle domande dei ragazzi ha toccato tematiche profonde e delicate della vita quali il dolore, la sofferenza e la morte e soprattutto il valore della fede in Dio che hanno colpito nel profondo gli studenti. La Bo è riuscita in poco tempo con una leggerezza ed una grazia a trasmettere le cose importanti della sua vita, ed il silenzio con cui è stata ascoltata dai ragazzi dimostra che la scrittrice ligure ci sa fare non solo quando si racconta con le parole scritte ma anche quando parla.