martedì , 28 Novembre 2023
Home / Comunicati regionali / Il prof. Franco De Felice nuovo presidente del Forum delle Associazioni Familiari delle Marche

Il prof. Franco De Felice nuovo presidente del Forum delle Associazioni Familiari delle Marche

Nel pomeriggio dell’undici novembre si è tenuta a Loreto, nei locali della Fondazione Opere Laiche Lauretane e Casa Hermes, l’Assemblea del Forum delle Associazioni Familiari delle Marche. Nel corso di tale evento è stato eletto il nuovo presidente, il prof. Franco De Felice, dell’UCID Marche e il nuovo Direttivo. Quest’ultimo risulta composto da Paolo Perticaroli (Associazione Azione Famiglie Nuove – Italia), Maurizio Trippetta (Azione Famiglie Nuove – Marche), Marco Galiè (AFN) e Cristina Marcucci (A.Ge. Marche). Ai lavori dell’Assemblea ha preso parte anche Pinella Crimì, vice presidente del Forum nazionale. Il presidente De Felice succede a Paolo Perticaroli, che ha terminato il secondo mandato e a cui vanno tutti i più sentiti ringraziamenti del Forum Marche.

Il nuovo presidente, che si propone di lavorare in continuità e nel solco dell’importante lavoro fatto dal suo predecessore, ha individuato alcune priorità del suo incarico, come porre una particolare “attenzione alle famiglie che hanno delle fragilità al loro interno”, “mantenere i rapporti e conoscere più approfonditamente le associazioni che sono all’interno del Forum Marche”, “promuovere iniziative pubbliche territorialmente organizzate”, favorire “percorsi formativi per le associazioni”,  mantenere e incrementare i rapporti, già ottimi, con gli interlocutori istituzionali del territorio, sia a livello comunale che regionale, favorire la sinergia tra le Pastorali regionali della salute, del lavoro e della famiglia, “far partecipare il Forum Marche a momenti seminariali”, e, infine, occuparsi di tematiche urgenti ed emergenti, come “l’invecchiamento attivo”.

Nella sua relazione finale, il presidente uscente, Paolo Perticaroli, ha ripercorso i quasi dieci anni del suo mandato e con emozione ha affidato a Maria “la vita del Forum per i prossimi anni” e ha ringraziato “tutti per il vostro sostegno e la vostra stima nei miei confronti, che sento come Dono del Signore”.

La vice presidente Crimì ha portato i saluti del presidente nazionale Adriano Bordignon e ha augurato al Forum Marche di continuare ad essere “profetico”, come accaduto con il protocollo firmato con l’ANCI Marche, apripista nazionale di accordi simili in altre regioni: “noi ci siamo – ha sottolineato la vice presidente – continuate ad esserci anche per noi, abbiamo bisogno del territorio”.

Nel pomeriggio si sono succeduti vari interventi, tra cui quello del sindaco di Loreto, Moreno Pieroni, e di Marcello Bedeschi, coordinatore nazionale dei Direttori e Segretari delle ANCI regionali.

Il Forum delle Associazioni Familiari delle Marche è composto da 26 associazioni che si prodigano in varie forme, nello specifico di ognuna, a favore della famiglia. Il Forum è nato per promuovere e salvaguardare i valori e i diritti della famiglia come “società naturale fondata sul matrimonio”, secondo quanto sancito dalla nostra Costituzione, e per riconsegnare alla famiglia il diritto di cittadinanza perché occupi nella vita politica del Paese il posto che le spetta quale soggetto sociale da promuovere e non soggetto debole da assistere. La famiglia eroga servizi, cura i soggetti deboli, fa da ammortizzatore economico in tempo di crisi. In altre parole chi investe sulla famiglia previene le emergenze, risolve alla radice le patologie, risparmia sui costi sociali.

 

BIOGRAFIA del nuovo presidente prof. FRANCO DE FELICE

Franco de Felice, sposato dal 1978 con Aurora, è docente di Psicologia del Lavoro nei Servizi Socio Sanitari e di Organizzazione e Gestione dei Servizi Socio Sanitari ed Educativi, all’Università degli Studi di Urbino. Ha svolto docenze presso l’Università di Chieti/Pescara alla Scuola di Specializzazione in Psichiatria e al Corso di laurea in Psicologia; all’Università Politecnica delle Marche, Facoltà di Medicina e Chirurgia al master di Medicina Narrativa e Comunicazione. Foreign visiting lecturer all’Università Statale dell’Uruguay, all’Università di Jonnesburg, all’Università Maimonides di Buenos Aires. È stato preside dell’Istituto di Scienze Socio Sanitarie “Edith Stein” associato alla Pontificia Università Camilliana e alla Pontificia Università Teresianum. Da anni impegnato in Italia e nei Paesi in Via di Sviluppo nella programmazione, gestione e supervisione di servizi socio sanitari ed educativi. Ha svolto ricerche e sperimentato modelli organizzativo-gestionali e terapeutici nell’ambito della disabilità, della malattia mentale e della geriatria. Si è specializzato in Promozione Sociale e Prevenzione del Disagio, in Psicopatologia dell’Apprendimento, in Analisi Scientifica del Comportamento facciale e Motorio Gestuale. Autore di numerose pubblicazioni di settore edite in Italia e negli Stati Uniti.

Tra i promotori della prima proposta di legge sulla cooperazione di solidarietà (1981). Nella Confcooperative ha poi assunto il ruolo di responsabile regionale e nazionale della cooperazione sociale partecipando alla predisposizione e stesura della Legge 381/91 sulla cooperazione sociale. Fondatore e presidente della AssCoop importante cooperativa sociale delle Marche.

Ha ricoperto importanti ruoli nell’associazionismo e nel volontariato: primo presidente nazionale dell’ANIOS (Associazione Nazionale Interpreti Operatori Sordomuti; Presidente regionale associazione marchigiana per la lotta contro l’epilessia, Vice Presidente dell’associazione nazionale contro l’epilessia, socio onorario ENS, socio onorario ANFFAS, vice presidente UCID e, adesso, presidente del Forum delle Associazioni Familiari delle Marche. Membro di diverse società scientifiche, della consulta regionale della Pastorale della Salute e supporto tecnico per diversi Ordini religiosi.

Dal 1982 per conto di ONG cattoliche ha partecipato ad interventi di organizzazione di servizi socio sanitari e di promozione sociale in Guatemala, Venezuela, Costa Rica, Burkina Faso, Senegal, Benin, Bosnia.